GRAND CANYON

GRAND CANYON E KINGMAN

Da Page ci siamo diretti al Grand Canyon che si trova nuovamente in California e che fa parte del circuito tessere parchi (PASS AMERICAN THE BEAUTIFUL). 

Siamo arrivati in mattinata ed abbiamo visitato parte del South Rim che è più  facile da raggiungere e visitare rispetto al North Rim, considerato più selvaggio. La strada che costeggia il South Rim è molto turistica ed attrezzata con vari punti di ristoro. Qui il Grand Canyon si visita principalmente dall’alto, lungo un percorso pedonale (invaso dai turisti) con molti punti panoramici dai quali affacciarsi. Sotto si apre uno spettacolo imponente. E’ ESAGERATO!! Rimane un po’ la frustrazione di poterlo vivere solo parzialmente, poichè estremamente selvaggio e inaccessibile. Bisogna accontentarsi della vista meravigliosa senza mai farne parte (attenzione: questo vale per noi turisti on a budget & fai-da-te, perchè di tour organizzati ce ne sono per tutti i gusti). Durante tutto il percorso abbiamo incontrato tantissimi scoiattoli che cercano cibo dai turisti. In alternativa si può percorrere la mulattiera (Bright Angel Trail) che porta in fondo al grand Canyon ma bisogna organizzarsi in anticipo perchè il dislivello è di 1.500 mt. Da fare in mattinata perchè la risalita potrebbe essere deleteria sotto il sole cocente del pomeriggio.

COSA NON MI ASPETTAVO: Credevo che mi sarei addentrata con facilità nel canyon, che fosse facilmente accessibile anche in autonomia.

Purtroppo per scarsità di tempo ci siamo persi una serie di parchi altrettanto meravigliosi come la Monument Valley.. 🙁 .

E’ stato difficile scegliere dove alloggiare visto che la nostra prossima destinazione è Los Angeles. Abbiamo scelto Kingman (Arizona) come tappa intermedia dove non c’è niente di particolarmente interessante da visitare. Parte del viaggio l’abbiamo fatto sulla famosa Route 66 e ci siamo fermati a Seligman, la città di “Cars” dove ci sono negozietti per turisti che vendono cimeli del passato. A me è piaciuto: vintage e colori!!

route 66
Fake d’autore

Scelto DAYS INN BY WYNDHAM e prenotato tramite Booking, pagando 57,46 $/notte per 3 persone con parcheggio e colazione inclusi. Bisognava farsela una domanda per questo prezzo ma no, noi non ce la siamo fatta. Il fotografo di Booking ha fatto proprio un bel lavoro!!! Si trova sull’autostrada e la piscina sul retro non è molto invitante. I proprietari dobbiamo ammettere che sono gentili ma il motel avrebbe bisogno di un bel restyling e una bella spolverata. La notte abbiamo dormito male per le urla e i rumori che provenivano dalla camera adiacente. Troppi film…sicuramente stavano festeggiando qualcosa ma ci siamo ben suggestionati.